Archive

Archive for September, 2011

Psicocibernetica – di Maxwell Maltz

September 21st, 2011 No comments

 Che cos'è la psicocibernetica? Non ha nulla a che fare con robot, cyborg, intelligenza artificiale o cose del genere, la psicocibernetica è la scienza che studia il modo in cui il cervello è programmato a rispondere automaticamente a certi stimoli, valutando la situazione esterna e prendendo le dovute misure per il raggiungimento di un fine; si tratta di meccanismi simili al pilota automatico di un aereo, che ha impostata la destinazione (il fine) e tiene conto della posizione dell'aereo in relazione ad essa (ha cioè dei sensori per valutare il mondo esterno), e in base ad essa effettua le opportune correzioni per compensare le eventuali deviazioni dalla rotta stabilita.

Il nostro cervello ha meccanismi simili, e questo libro cerca di spiegarli in maniera chiara. Psicocibernetica è un best seller nel campo dei libri motivazionali e di self help, anche perchè è stato uno dei primi (è del 1978), ma soprattutto perchè è molto chiaro e semplice e nonostante il titolo complicato non richiede una laurea in psicologia per poter essere compreso.

Gli uomini normalmente non si fermano a pensare a come funziona il loro cervello, i filosofi e gli psicologi sono in genere gli unici che si pongono queste domande, il che è strano se si considera che tutti quanti usiamo il nostro cervello per vivere così come usiamo il nostro corpo; sarebbe un po' come se ci rendessimo conto di avere le gambe ma per tutta la vita non volessimo perdere tempo per imparare a usarle stando in piedi.

Psicocibernetica si propone di spiegare quali sono i meccanismi mentali dietro il successo. La parola "successo" è di per sé molto vaga, in che cosa consista l'avere successo dipende tutto da chi siamo e cosa vogliamo fare e diventare; tuttavia al di là dei diversi obiettivi che si possono scegliere ci sono nella vita persone positive, che si pongono ed ottengono molti traguardi e sono felici e soddisfatte di sé, ed altre che o non hanno il coraggio di puntare a nulla o falliscono sempre miseramente, e passano le giornate a lamentarsi e a dire quello che avrebbero fatto o potrebbero fare in futuro se la vita fosse più generosa o meno ingiusta, se gli capitasse l'occasione buona. Il successo non è una questione di soldi e beni materiali, è la realizzazione di se stessi, l'ottenimento della serenità che deriva dal sapere dove si sta andando; per riprendere la metafora iniziale dell'aereo è la tranquillità di un pilota che sa che c'è il pilota automatico a fare tutto il lavoro, contro il nervosismo, la fatica e la paura di un pilota che vola manualmente e con una cartina che non sa quanto sia precisa.

La psicocibernetica pone gli uomini di fronte alla visione dell'immagine che loro hanno di se stessi e cerca di correggerne le distorsioni, cerca di favorire sentimenti positivi come il perdono, l'empatia, l'ottimismo, la fiducia in se stessi, sfruttando le stesse tecniche che fino ad oggi avete usato per scopi negativi: ripetendovi sempre che cosa non potete fare, immaginando gli scenari più negativi che potrebbero capitare, rodendovi per il rimorso o l'invidia, avendo paura di tentare e di fallire, e diverse altre.

Maxwell Maltz era un chirurgo plastico che poi si è interessato anche di psicologia, vedendo come il cambiamento radicale del volto (a quel tempo la chirurgia estetica non si occupava di rifare seni e nasi o liposuzioni e lifting, ma principalmente di curare cicatrici o ustioni molto gravi in seguito a incidenti) portasse spesso miglioramenti nella mente della persona che si sentiva brutta e sfigurata, ma non sempre questo accadesse. Vista la delicatezza del suo lavoro decise di studiare meglio la mente umana, anche per capire quando era appropriato accettare un lavoro (quando cioè un cambiamento fisico poteva risolvere un problema psicologico) e quando invece era necessario solo offrire un punto di vista migliore al paziente per metterlo nella giusta prospettiva.

Categories: Recensioni Tags:

Tripoli resiste ancora

September 20th, 2011 No comments

Churchill quando ottenne a 35 anni un posto in parlamento e ci si aspettava che fosse contento del suo successo disse "Alla mia età Napoleone aveva vinto ad Austerlitz".
E' vero che Churchill si misurava con un metro di giudizio troppo elevato, non tanto perchè lui non potesse essere un uomo migliore di Napoleone quanto perchè lui divenne imperatore e dominatore dell'Europa in un momento molto particolare di crisi, ed il mondo era diverso a quel tempo ed un uomo poteva ancora partire alla sua conquista guidando grandi armate.

Tuttavia la preoccupazione di Churchill è comprensibile per me, è difficile nell'epoca moderna riuscire a pensare di poter fare grandi cose, soprattutto in politica, se pensi alle imprese del passato. La moderna democrazia ha reso tutto mediocre, e il consumismo e l'ignoranza hanno distrutto lo spirito delle popolazioni ricche, quindi anche se un uomo energico, onesto e pieno di buona volontà e di giusti ideali si trovasse a capo dell'Italia, o dell'America, o della Francia, o dell'Inghilterra, che cosa potrebbe mai riuscire a fare? Posto certo che riesca ad arrivare a quell'incarico, e riesca a superare tutti quelli che hanno interesse a tenere un uomo onesto e capace lontano dal potere.

Oggi mi piacerebbe poter andare a Tripoli e combattere per la difesa della città, l'ultimo palmo di Africa rimasta libera dalla colonizzazione straniera. Forse sarebbe un tentativo inutile, forse sarebbe una morte inutile, ma mi sembra sempre meglio di questa inutile vita in Italia, dove tutto marcisce e niente cambia, dove sembra sempre che non ci sia alcuna speranza, e da 25 anni ormai non esiste più storia perchè non ci sono più né uomini né fatti memorabili, ma solo vermi che sbucano dalle orbite vuote di un cadavere in decomposizione.

L'impotenza mi tormenta, ogni volta che sento parlare della Libia la rabbia mi sale dal cuore. Forse storicamente questo colpo di stato degli stranieri non è così importante, e anche moralmente è solo una delle tante ingiustizie nel mondo che saranno dipinte come grandi progressi della democrazia, ma non è una buona ragione per essere complici degli assassinii nei bombardamenti, del prolungamento artificioso della guerra grazie all'intervento esterno, e del tentativo di rovesciare il governo di un popolo che finora si è governato molto meglio di quanto non abbiano fatto italiani o americani.

Il terrorista che negli anni di piombo era famoso come "Frate Mitra", e che era andato a combattere in sudamerica, condannò le brigate rosse dicendo che lì dove era andato lui la lotta armata era purtroppo l'unica strada per sperare di cambiare le cose, ma si rifiutava di credere che anche in Italia fosse così. Io invece temo che neanche con le armi si riuscirebbe a cambiare realmente le cose, perchè dovrebbe essere il popolo a prendere le armi, e gli italiani al massimo sanno prendere in mano i telefonini... puoi fargli qualunque cosa, ma gli italiani porgeranno sempre l'altra guancia, non perchè siano religiosi o fiduciosi, anzi non credono per nulla ai politici, né a Dio né al futuro, ma alla fine seguono sempre il consiglio di Mussolini: se ne fregano...
Se anche qualcuno arrivasse a dare una scossa a questo cadavere al massimo potrebbe trasformarlo in un Frankenstein, che forse finirebbe per rimpiangere di essere stato svegliato alla coscienza della sua miseria.

Tuttavia disperarsi o recriminare non serve a niente, questo è il mondo in cui ci è toccato vivere: non ci sono imperi da creare, rivoluzioni da guidare, territori da scoprire, ci sono solo cadaveri da seppellire e nuove generazioni da allevare in un pessimo ambiente e con un nero futuro ben difficile da mutare davanti a noi, con animali che si estinguono, temperature che si alzano, risorse che si esauriscono, guerre e fame che falciano o minacciano centinaia di milioni di persone all'anno...

E se le armi sono inutili l'unica soluzione è lo studio, l'applicazione, la dedizione, l'informazione, la cultura, l'educazione. Un giorno ci saranno grandi cambiamenti che sconvolgeranno il mondo, così come è stato con invenzioni come l'elettricità o il computer, o eventi come le guerre mondiali o la rivoluzione francese. Oggi non possiamo sapere in cosa consisteranno questi cambiamenti che smuoveranno la situazione attuale, né possiamo sapere se saranno in meglio o in peggio, ma possiamo prepararci e preparare le future generazioni con lo studio della storia, della filosofia, della morale, dell'animo e della mente umane, in modo da capire meglio noi stessi e fare quanti meno errori possibili in futuro.

Per adesso comunque, anche in questo mondo marcio, Tripoli resiste ancora.

Categories: Idee Tags: , ,

Biografia di Alcide De Gasperi – di Maria Romana De Gasperi

September 19th, 2011 No comments
Lo scoraggiamento è il pericolo principale delle democrazie. Non occorrono mezzi artificiosi, promesse mirabolanti, per infondere coraggio; questi sono mezzi degli assolutismi. Basta la coscienza profonda e la certezza di attuare il proprio proposito. La pazienza è la virtù dei riformatori; riformare vuol dire superare il passato; la pazienza è virtù dei forti, di chi ha fede e coscienza dei problemi e li segue con tutta attenzione.
Reggere uno stato crea un vincolo intimo con Dio, una responsabilità immediata verso il popolo come apportatore della volontà divina che ci regge.

Questo libro della figlia di De Gasperi Maria Romana è una biografia vera e profonda del più grande statista che l'Italia abbia mai avuto: Alcide De Gasperi. 
In un'epoca governata dalla corruzione, dalla criminalità, dalla sete di potere e di denaro, la figura di De Gasperi sembra irreale e favolosa; gli italiani ormai non possono più concepire un uomo pulito, dedito al servizio dello stato, tormentato da dubbi sul futuro del paese e non sui propri profitti personali, che quando si rivolge a Dio non lo fa per catturare i voti dei bigotti e l'appoggio della Chiesa, e quando si rivolge al popolo non lo fa come se stesse girando lo spot di un dentifricio.

Chiunque voglia intraprendere la carriera politica deve leggere questo libro, indipendentemente dal fatto che sia cattolico o meno e si possa ritrovare nella religiosità di De Gasperi, perchè l'impegno politico è come l'impegno ecclesiastico: si può essere veri politici solo prendendo i voti di povertà, castità e obbedienza. Alla fine cambiano solo gli ideali, e neanche tanto, soprattutto cambia l'idea di stato che si ha in mente, il modo di organizzarlo, ma alla base ci deve essere sempre l'impegno ed il sacrificio per il popolo.

Ma anche chi non vuole fare politica dovrebbe leggerlo, per capire che cosa significa realmente governare ed essere uomini politici, per rendersi conto che la politica non è necessariamente una cosa schifosa come gli italiani hanno finito di pensare dopo Andreotti, De Mita, Craxi, Berlusconi, Bossi... Un tempo Montanelli aveva lanciato lo slogan "turatevi il naso e votate DC" per spingere la gente a votare ed evitare che i comunisti raggiungessero la maggioranza; allora questo modo di pensare aveva un senso, purtroppo si è poi cronicizzato come una cattiva abitudine, per cui l'italiano pensa che non ci sia niente di male nel votare sempre "il meno peggio". Questo atteggiamento ha contribuito ad affossare ulteriormente il livello dei politici italiani, cui si chiede solo di essere un po' meno peggio di Berlusconi (anche un manichino ce la farebbe) e che quindi possono navigare tranquillamente nel loro mare di mediocrità.

Alcide De Gasperi era un mistico, se non fosse stato un politico sarebbe diventato prete e santo (e avrebbe dovuto essere santificato lo stesso pur non prendendo i voti religiosi e non avendo mai fatto miracoli). In questo libro si trovano alcuni passi di questo suo misticismo che aiutano a gettare luce su che tipo di uomo fosse, mentre quando era in vita i comunisti lo accusavano, un po' per ignoranza e un po' perchè faceva parte del copione, di essere il portavoce e il protettore del Vaticano, di essere un servo del Papa. De Gasperi era invece solo un devoto fedele, che amava la Chiesa ma era d'accordo con Cavour nel volere uno stato libero e laico, sia per il bene dello stato che per quello della Chiesa; così voleva anche governare assieme alle altre forze politiche (comunisti a parte, dopo un primo tentativo di integrarli, perchè riteneva che il loro solo scopo fosse quello di far affondare il governo e lo stato per poter fare la rivoluzione) e non essere costretto a fare governi monocolore con solo la democrazia cristiana. Era insomma un credente ma non un clericale, a differenza dei democristiani che lo seguirono.

La sua serietà e pacatezza stonano se confrontate con personaggi come Craxi e Berlusconi, così come l'impegno al servizio del paese e del popolo. Pensare a quante cose fece De Gasperi nei pochi anni che poté governare prima di morire nel 1953 è impressionante, anche visto lo stato disastroso del paese e le laceranti lotte politiche sia tra i partiti che all'interno della democrazia cristiana (e tra De Gasperi e il Papa); ed è sconfortante se si pensa a come Berlusconi in quasi vent'anni non si sia dedicato a fare neanche una legge che non riguardasse se stesso o fosse dettata da ragioni elettorali o politiche (tipo la Bossi-Fini per fingere di lottare contro l'immigrazione clandestina, o la legge sul testamento biologico preparata in pochi giorni dopo il caso Englaro per accontentare la Chiesa). Infine si può notare anche il grande senso di responsabilità di De Gasperi, che si sentiva quasi investito di un dovere divino di aiutare gli altri dirigendo al meglio il paese, a differenza di tutti gli altri capi di stato della storia che al massimo sostenevano di avere ricevuto il potere per diritto divino. Oggi invece nessuno si sente responsabile: Berlusconi accusa i giudici del fatto di non poter governare (come se avesse mai avuto qualche progetto o ideale da realizzare), le presunte opposizioni accusano Berlusconi e chiedono continuamente le sue dimissioni (mentre avrebbero potuto proibirgli di candidarsi già nel '94, oppure presentare un qualunque vero piano di governo agli elettori per battere Berlusconi), e il popolo si lamenta (come se non fosse responsabile di aver mandato al potere Craxi e Berlusconi sapendo benissimo che erano dei ladri, e invidiandoli e ammirandoli proprio per quello).

Autobiografia di Malcom X

September 4th, 2011 No comments

Non amo gli Stati Uniti in genere, ci trovo poche cose interessanti e di valore, soprattutto oggi. La storia americana invece è molto interessante, purtroppo tutti invidiano e ammirano la potenza industriale e tecnica degli americani ma quasi nessuno conosce George Washington, Thomas Jefferson, Edison, Lincoln, le idee della dichiarazione di indipendenza e della costituzione, o le lotte per i diritti politici e civili dei neri americani.

La società americana è nata ingiusta: i coloni lottavano con gli indiani, poi quando furono abbastanza numerosi e organizzati li massacrarono; intanto costantemente si facevano la guerra tra loro per ottenere concessioni di terreni e miniere, e nel far west le pistole valevano più della legge. In una simile società la schiavitù doveva apparire naturale, e non certo il peggiore dei mali, ed è così che la liberazione degli schiavi da parte di Lincoln avvenne dopo che nella dittatoriale Russia zarista erano stati liberati i servi della gleba, ed in entrambi i casi questa liberazione si tradusse in un peggioramento delle condizioni di vita degli ex schiavi, che almeno prima avevano un padrone che li sfamava e li alloggiava, ed aveva interesse che rimanessero vivi e mangiassero abbastanza da poter lavorare.

Nel ventesimo secolo l'America era molto più ricca, e l'economia ed il progresso tecnologico avevano migliorato anche le condizioni di vita dei neri, tuttavia il razzismo rimaneva comune, sostenuto dalle leggi razziali che dividevano le scuole, gli autobus e i bagni a seconda del colore della pelle, e il Ku Klux Klan poteva esistere apertamente e attrarre il consenso di tanti bianchi di buona famiglia, nonché di tanti politici.
Fu in questa America che visse e lottò Malcom X. Il suo vero cognome era Little, volle cambiarlo in X perchè gli schiavi prendevano il cognome dei loro padroni non avendone uno loro, ed era così che aveva ereditato il cognome Little, la X significava il rifiuto di quella eredità. Malcom visse subito su di sé il razzismo di quella società: il padre, un pastore battista, fu ucciso da un gruppo di sostenitori della supremazia bianca, la nonna era stata violentata da un bianco, rapporto da cui nacque la madre, che dopo la morte del marito impazzì.

Malcom X visse una giovinezza difficile nel ghetto, dopo aver vissuto con una famiglia adottiva ed essere uscito quasi analfabeta dalla scuola. Inizialmente fece il lustrascarpe, poi insieme con un amico e le rispettive ragazze pensarono di diventare ladri d'appartamento, ma le cose gli andarono male e vennero subito arrestati. Malcom nella sua autobiografia fa notare come le ragazze, che erano bianche, subirono una pena lieve, mentre lui e il suo amico furono condannati duramente sia perchè erano neri, sia, e soprattutto, perchè avevano osato avere delle ragazze bianche "inquinando la razza".

In prigione Malcom ebbe l'incontro con la persona che cambiò la sua vita: John Elton Bembry. Era un carcerato come lui, la prima persona che incontrava in grado di "generare un totale rispetto con il solo uso delle parole". In prigione con lui Malcom incominciò a studiare, prese un vocabolario per imparare il significato di tutte le parole da Aardvark (la prima parola del dizionario inglese, è un formichiere africano) in poi, imparando a leggere, scrivere, parlare e pensare.

Il fratello gli parlò mentre era in prigione della Nation of Islam, una organizzazione che sosteneva che la maggior parte degli antenati dei neri in Africa erano mussulmani, e che quindi avrebbero dovuto convertirsi e creare un loro stato autonomo. Malcom X una volta uscito di prigione entrò così nella Nation of Islam di Elijah Muhammad, che predicava l'odio contro i bianchi che erano dei diavoli, a Malcom questo sembrò vero perchè effettivamente nel corso della sua vita non aveva mai incontrato dei bianchi che fossero con lui buoni e disinteressati.

Crescendo poi Malcom X capirà gli errori di quella organizzazione, che in realtà era stata messa in piedi solo per fare soldi, il suo fondatore Elijah Muhammad si fingeva un santo ma in realtà faceva sesso con molte ragazze della associazione, e quando Malcom lo scoprì se ne andò, dopo che per anni l'aveva idolatrato e ne era divenuto il braccio destro.

Successivamente Malcom X si metterà a capo di un suo movimento e capirà anche che i bianchi non sono dei diavoli, e che molti erano solo ignoranti e tanti erano sinceramente disposti ad aiutarlo nella sua lotta. Continuò a credere nell'Islam come mezzo dei neri di affrancarsi dal loro passato e da quel cristianesimo che aveva sempre giustificato la loro schiavitù stando dalla parte dei padroni ricordando che San Paolo diceva "schiavi siate sottomessi ai vostri padroni", ma abbandonò l'idea che l'Islam potesse essere un collante per anche gli altri neri, continuando quindi la lotta per i diritti civili dei neri solo in nome della giustizia e non della religione.

Malcom X era di tempra più violenta e diretta rispetto a Martin Luther King, e quando disse che era contento della morte di Kennedy e che se lo meritava visto che era rimasto vittima di quella violenza che non era stato capace di arginare, le sue dichiarazioni fecero scandalo in tutta l'America. Ma alla fine non uccise mai nessuno, non promosse mai manifestazioni violente, ed anche lui fu assassinato.

Malcom X rappresenta un esempio sotto molti aspetti: la sua capacità di spezzare le catene col passato, che avrebbero potuto portarlo semplicemente a vittimizzarsi o cercare vendetta nei confronti dei bianchi; l'impegno messo nello studio per diventare un uomo migliore e acquisire gli strumenti per essere utile alla società (e per non essere da essa ingannato, anche Don Milani diceva "ogni parola che non imparate oggi è un calcio in culo che prenderete domani", a denotare come i ricchi usino il dominio della parola per mantenere il potere confondendo gli ignoranti); e il tentativo di creare un mondo migliore, anche se sbagliando qualche volta strada o prendendo posizioni discutibili.

Categories: Recensioni Tags: , ,
Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.