Home > Recensioni > Almanacco della nuova satira italiana – di Daniele Luttazzi

Almanacco della nuova satira italiana – di Daniele Luttazzi

Questo libro di Daniele Luttazzi è una raccolta di tutte le battute migliori postate dai visitatori sul blog di Luttazzi.

Daniele Luttazzi ha creato una sezione sul suo blog chiamata "palestrina" in cui allenare chi ha voglia di provarci a fare battute satiriche su argomenti di attualità. Si tratta di una bella iniziativa per chi desidera imparare nella pratica che cos'è la satira, quali sono i meccanismi della risata, e come si può trovare di ogni evento un risvolto ironico (purtroppo ultimamenti il blog di Luttazzi non esiste più e sembra voglia trasferire tutta l'iniziativa su Twitter, qui potete trovare il suo account, che fino ad ora non ha nessun tweet).

La comicità e i comici sono una componente fondamentale della società, vedendo quanto e per cosa la gente ride si possono capire molte cose; ma in un stato come quello italiano in cui non c'è libertà per la satira in televisione, essa costituisce anche un mezzo per informare la gente su fatti che non conosce, o per mostrargli punti di vista differenti che nessuno nei "media mainstream" gli offrirà mai.

L'educazione alla risata ed alla critica satirica è un'educazione alla libertà: libertà intellettuale, politica, e religiosa. Molto probabilmente farà di più questa scuola della risata di Luttazzi per la crescita morale degli italiani di quanto non riuscirà a fare Beppe Grillo col suo blog ed il suo movimento, perchè coloro che seguono Grillo lo fanno come un gregge belante, sono pochi quelli che si sono dati alla politica attiva e con la testa sulle spalle avendo delle loro idee ed ispirandosi agli ideali di Beppe Grillo, la stragrande maggioranza della gente si limita a leggere il blog o al massimo a postare messaggi, quasi sempre di elogi ciechi o di insulti. L'idea di Luttazzi invece, per quanto coinvolga molte meno persone, cerca di coinvolgerle attivamente, possibilmente nella creazione di nuove battute satiriche, o quantomeno nella analisi e nella riflessione di ciò che funziona e ciò che non funziona nella satira.

Certo è facile domandarsi "e a che mi serve? non sono né un comico né un critico, perchè dovrei preoccuparmi di capire i meccanismi della risata?". La ragione sta nella possibilità di migliorare la nostra comprensione del mondo, capendo che ci sono cose che non fanno ridere, su cui non bisogna fare battute e non bisogna ridere, mentre tutto il resto può essere dissacrato senza sentirsi in colpa. Ci sono risate che Luttazzi chiama "fasciste", ad esempio battute razziste in cui si ridicolizza la presunta stupidità di una razza, queste sono battute in cui non si critica il potere ma si colpiscono invece i più deboli diventando complici del potere. Purtroppo non c'è bisogno di essere razzisti, fascisti o ignoranti per ridere delle cose sbagliate, perchè non siamo mai stati educati bene da questo punto di vista, non siamo abituati a riflettere sulle idee che stanno dietro certe battute, o a comprendere che cosa è realmente satira e che cosa è semplice sfottò (l'esempio più classico di questo è quando prendono in giro Berlusconi per l'altezza, cosa che non ha alcuna rilevanza politica o morale ma è solo una messa in ridicolo di una sua particolarità fisica, cosa che può addirittura renderlo più simpatico, e non significa certo che i comici che fanno quelle battute siano liberi e indipendenti).

Daniele Luttazzi è il nostro Aristofane, sono pochissimi gli uomini come lui, non solo in questi tempi ma in tutti i tempi, e leggerlo o ascoltarlo rende tutti più liberi e leggeri.

Categories: Recensioni Tags: ,
  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.