Home > Citazioni > La democrazia e la stupidità del volgo

La democrazia e la stupidità del volgo

Con la punta delle spade forzano Vitellio ad alzare la faccia, per offrirla agli insulti e assistere al rovesciamento delle sue statue o guardare i rostri e il luogo dell'assassinio di Galba. Infine, lo scaraventano nelle Gemonie, dove era stato gettato il corpo di Flavio Sabino. Una sola parola, improntata a dignità, fu udita dalla sua bocca, quando al tribuno che lo insultava rispose ch'era pur sempre il suo comandante. Poi cadde sotto una gragnuola di colpi. E il volgo l'oltraggiava da morto con la stessa bassezza con cui l'aveva adulato da vivo.
(Historiae di Tacito)

Questo episodio delle Historiae di Tacito sull'anno dei quattro imperatori riguarda l'uccisione di Vitellio, che venne ucciso dalla plebe quando le truppe di Vespasiano arrivarono a Roma a prendere il potere per il loro comandante.

Tacito nel descrivere la morte di Vitellio, uomo rozzo e poco amato da tutti, ma riverito per i pochi mesi in cui fu imperatore, e il cui cadavere fu poi scagliato con disprezzo nel Tevere, vuole mettere in guardia sull'opportunismo della folla.

Oggi possiamo ricordare le stesse immagini di quel tempo pensando agli iracheni che abbattevano la statua di Saddam Hussein, e che fino a poco tempo prima lo osannavano in piazza; lo stesso Saddam è stato poi ucciso rapidamente da un tribunale iracheno per evitare che parlasse e rivelasse gli accordi fatti con gli americani in passato, e tutti i delitti commessi da coloro che avevano preso il potere come pupazzi degli americani (tutti infatti erano collusi in qualche misura col vecchio regime).

Chi ha ragione? Tacito e i suoi colleghi dei tempi antichi che non avevano nessuna fiducia nel popolo che era "volgo" e "plebe", o la visione moderna del popolo alla base della democrazia? Personalmente tendo sempre a preferire le idee di Tacito, la democrazia quasi sempre porta soprattutto mediocrità, e qualche volta anche azioni vergognose mascherate da rivoluzioni. La democrazia si fonda sulla rivoluzione, e la rivoluzione sulla risoluta accettazione della morte in nome di un futuro migliore per lo stato: i francesi rischiarono di morire durante la rivoluzione, e così gli ateniesi contro i 30 tiranni, mentre nelle presunte democrazie moderne nessuno ha il coraggio di versare una goccia di sangue. La democrazia per funzionare deve poter contare su gente coraggiosa e disposta al sacrificio, che ama la libertà più del divertimento o dell'interesse personale.

Per questo sono contento della resistenza di Tripoli e del fatto che siano stati i ribelli a tirare giù le statue di Gheddafi, non la gente comune. Anche nella sconfitta e nel caos si può mantenere un po' di dignità, ed è soprattutto questa dignità che può aiutare a costruire un futuro migliore. Perchè se Gheddafi sopravviverà nel prossimo mese, quando il mandato dell'Onu scadrà il 27 settembre, senza più la minaccia dei bombardamenti il rais potrà tentare di riprendere il potere, e tanti di quelli che distruggevano le sue statue saranno i primi a scappare o a cambiare bandiera.

Quello è il volgo di cui parlava Tacito, lo stesso di Piazzale Loreto e di tanti altri momenti della storia dell'umanità. Berlusconi non è che la logica conseguenza di Piazzale Loreto, gli italiani che già allora non erano granché sono peggiorati ulteriormente, fingendosi tutti partigiani come prima si fingevano tutti antemarcia; nessuno era mai stato fascista, così come oggi nessuno è mai stato democristiano o comunista, nessuno è mai stato craxiano, e, tra poco, nessuno sarà mai stato berlusconiano.
 

Categories: Citazioni Tags: , ,
  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.