Home > Idee > Il senso della scrittura nell’era di internet

Il senso della scrittura nell’era di internet

La storia ha spesso amore per i contrasti e i paradossi, così siamo in un tempo in cui abbiamo a disposizione un mezzo che ci consente di accedere alla maggior parte del sapere umano eppure quasi nessuno lo usa per imparare qualcosa, e abbiamo anche per la prima volta la possibilità di scrivere gratis tutto quello che ci pare e poterlo far leggere in tutto il mondo, ma molto pochi hanno qualcosa di significativo da dire. L’umanità è dormiente, almeno quel terzo di umanità che vive nei paesi ricchi e potrebbe utilmente usare internet, probabilmente spetterà agli altri due terzi raccoglierne i frutti: i cinesi, gli indiani, i latino-americani, gli africani… mentre europei e americani saranno ancora impegnati a leggere i commenti sulla loro pagina di facebook gli altri staranno creando un nuovo mondo.

Il declino dell’Europa e degli Stati Uniti è certo, è in corso già da un secolo e mezzo e non si arresterà, e non è un declino economico ma degli uomini: i soldi girano se ci sono idee nuove, e la gente spende se ha speranza nel futuro, l’economia non è che una delle prove pratiche dei principi su cui si basa una società, e questo autoproclamatosi Primo Mondo già da diversi decenni non ha più alcun principio.

Internet è importante proprio per questo: rende possibile studiare la storia, la filosofia, la letteratura del passato, i principi che hanno portato l’umanità dove è ora, giusti o sbagliati che siano stati. Il passato è ancora più importante quando il presente è inesistente, e guardando il passato e ricordando che ci sono uomini che hanno lottato, che hanno avuto passioni, che hanno cambiato il mondo, che sono morti nel tentativo di cambiare il mondo, allora forse qualcosa migliorerà, ed il declino di questa civiltà potrà essere un po’ meno tragico e un po’ più onorevole.

Non possiamo sapere tutte le conseguenze delle nostre azioni, per questo dobbiamo comportarci sempre nella maniera migliore. Forse un giorno qualcuno dei tanti ragazzi italiani che oggi pensa solo ai videogiochi e ai social network passerà di qua e troverà qualcosa che lo farà riflettere, e magari questo ragazzo nel 2045 sarà l’imperatore dell’Europa, e potrà essere un buon imperatore anche per quello che ha letto qui.

Pensate cosa sarebbe accaduto se una bella ragazza ebrea fosse entrata 80 anni fa in una birreria di Monaco, avesse incontrato Hitler e l’avesse fatto innamorare: il nazismo non sarebbe mai nato, certo l’insoddisfazione dei tedeschi sarebbe rimasta e nulla ci dice che al posto del nazismo non avrebbe potuto nascere un movimento peggiore, ma sicuramente la storia sarebbe stata molto diversa.
E allora Hitler era solo un povero ubriacone che farneticava in una birreria con qualche compagno di sbronza, non puoi mai essere sicuro che un tipo anonimo e all’apparenza mediocre non possa trasformarsi in un perno fondamentale della storia.

Per questo è importante cercare di imparare, cercare di insegnare, cercare di trasmettere ciò che si conosce, anche se sembra che a nessuno gliene freghi niente. Avevo provato a mettere un link su wikipedia all’articolo sul canto di Manfredi del Purgatorio, un moderatore me l’ha tolto commentando che l’articolo era “di valore modesto”.
Non lo contesto, è vero, devo ancora imparare molto, spero comunque che quello che scrivo possa essere utile a qualcuno.

Categories: Idee Tags:
  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.