Home > Poesie > SPQR di Gioacchino Belli

SPQR di Gioacchino Belli

SPQR
Quell’esse, pe, ccú, erre, inarberate
sur portone de guasi oggni palazzo,
quelle sò cquattro lettere der cazzo,
che nun vonno dí ggnente, compitate.
M’aricordo però cche dda regazzo,
cuanno leggevo a fforza de frustate,
me le trovavo sempre appiccicate

drent’in dell’abbeccé ttutte in un mazzo.
Un giorno arfine me te venne l’estro
de dimannanne un po’ la spiegazzione
a ddon Furgenzio ch’era er mi’ maestro.
Ecco che mm’arispose don Furgenzio:
“Ste lettre vonno dí, ssor zomarone,
Soli preti qui rreggneno: e ssilenzio”.

Questa poesia di Giuseppe Gioacchino Belli in romanesco è una divertente messa in ridicolo del clero al tempo del Papa Re.
Il significato reale di SPQR (Senatus Populusque Romanus) viene usato per mostrare l’arroganza dei preti ed il loro modo di piegare l’insegnamento ai loro interessi, lasciando il popolo nell’ignoranza.

Categories: Poesie Tags:
  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.