Archive

Posts Tagged ‘corsi di lingue’

Corsi di inglese e libri per imparare l’inglese

April 12th, 2012 No comments

 Di libri per imparare l’inglese ce ne sono tantissimi ormai, e di tutti i tipi, ne elenco qui alcuni per chi cerca corsi di inglese per imparare una lingua che è diventata ormai indispensabile, e vuole libri in italiano per imparare l’inglese da autodidatta, partendo da zero o con qualche ricordo di scuola.
Innanzitutto ci sono i due libri di Peter Sloan che avevo già recensito in passato: Instant english (qui potete trovare anche il secondo volume uscito l’anno scorso) e English in viaggio. Poi ci sono i corsi più tradizionali con manuale e cd audio per ascoltare i dialoghi in inglese e abituarsi alla lingua parlata, potete scegliere ad esempio tra questi tre:

Lo stesso Sloan ha fatto un vero e proprio corso di inglese completo con due cd, se volete qualcosa di un po’ più originale ed efficace (anche se un po’ più costoso) potete prendere il suo corso d’inglese o quello dell’Assimil, una azienda specializzata nel creare corsi di lingua di tutto il mondo nella sua serie “senza sforzo”:

Se il vostro punto debole in inglese è la grammatica potete prendere dei libri specifici per la grammatica inglese:



Non disperate quindi se non siete ancora riusciti a imparare l’inglese, oggi ci sono tanti strumenti a disposizione per studiarlo.

Categories: Recensioni Tags: ,

English in viaggio – L’inglese in viaggio con John Peter Sloan

June 17th, 2011 No comments

Questo secondo libro (dopo Instant English già recensito qui) di John Peter Sloan per imparare l’inglese è un manuale specifico per cavarsela durante i viaggi all’estero comunicando in inglese.

Se è difficile imparare la grammatica, ricordarsi i vocaboli, o capire quello che dicono gli attori in un film scaricato da internet, è ancora più difficile capire la lingua viva, parlata a velocità normale (cioè molto veloce), senza la possibilità di avere i sottotitoli o di poter tornare indietro e riascoltare il filmato. Tuttavia il fatto di essere immersi nella lingua, di sentirla parlare sempre e di essere costretto a parlarla, è sicuramente il modo migliore per imparare una lingua straniera, che sia l’inglese o qualunque altra, la difficoltà sta soprattutto nell’avere il coraggio di iniziare e buttarsi anche quando si è ancora insicuri e non si conosce molto bene l’inglese.

Questo libro viene in aiuto di tutti quelli che vogliono andare in Inghilterra, Stati Uniti, Canada o altri paesi anglofoni (o anche altri paesi di cui non conoscete la lingua locale come Cina, Giappone e Thailandia), in modo da fornire una base per la sopravvivenza all’estero, per sapere le cose fondamentali da dire e da fare. Alla fine non si è in una classe di inglese dove la maestra ti interroga e rischi di prendere un brutto voto, l’importante è farsi capire e riuscire a sbrigarsela nelle situazioni più importanti come all’aeroporto o in stazione quando bisogna prendere l’aereo o il treno e non si sa dove andare e si rischia di perderlo, o all’albergo quando bisogna chiedere la camera o ordinare la colazione.

La lista degli argomenti affrontati è questa:

  • Prepositions
  • Bagagli smarriti
  • The Police station
  • Bookings
  • Train Tickets
  • Booking a Hotel
  • At the Hotel
  • Car hire

Certo non è che sia una lista molto lunga ed esaustiva, ma del resto i problemi e le necessità che potreste avere in vacanza sono innumerevoli e quindi non basterebbe comunque solo un libro per elencarli tutti. Oltre al libro poi su un sito internet potete trovare l’audio delle frasi sul libro, in modo da non avere dubbi sulla pronuncia delle parole senza dover neanche pagare di più per un cd o dvd incluso nel libro.

English in viaggio di John Peter Sloan costituisce un buon punto di inizio per farsi qualche base ed avere un po’ più di fiducia in se stessi, sentendosi più pronti per andare all’estero, infatti per molte persone il problema maggiore nell’imparare l’inglese, o qualunque altra lingua, è che si vergognano a parlarlo, soprattutto davanti a delle persone madrelingua che lo conoscono perfettamente e colgono subito eventuali errori o accenti sbagliati, e non parlandolo mai non si sentono mai in grado di affrontare delle conversazioni, figuriamoci di fare un viaggio in un paese straniero dove devi mangiare, dormire, spostarti, e puoi avere problemi come incidenti, litigi, guai con la polizia o con altre autorità, e tante altre cose.

Categories: Recensioni Tags:

Instant English – Corso di inglese di John Sloan

May 12th, 2011 No comments

Gli italiani sono ignoranti non solo dal punto di vista nozionistico, ma anche linguistico. A causa del poco studio e della poca lettura conoscono poco l’italiano, lo parlano male e lo scrivono come lo parlano (e anche un po’ peggio…). Ovviamente questo significa che le lingue straniere le conoscono ancora meno, il che contribuisce a frenare la crescita culturale della popolazione, che rimane bloccata nel suo giardinetto, vede il mondo attraverso la televisione e quando viaggia fa viaggi organizzati con guide che sanno l’italiano, o più semplicemente vanno a Sharm El Sheik dove trovano più italiani che egiziani stesi al sole a non fare nulla.

Se siete in questa categoria e vi siete stancati pensate di comprare il libro Instant English di John Peter Sloan, si tratta di un corso di inglese innovativo particolarmente efficace per chi è alle prime armi, non ha mai studiato inglese oppure lo ha studiato poco e male a scuola, magari diversi anni fa.

Una delle poche cose buone che hanno portato gli americani col loro dominio mondiale è dare una lingua comune al mondo, e oggi il sapere l’inglese può facilmente cambiarti la vita:

  • Dal punto di vista della cultura e della conoscenza comprendere l’inglese ti permette accesso ad una quantità sterminata di documenti su internet, di libri che potete comprare o scaricare e non esistono in italiano, di siti in inglese, di video, film e videocorsi (tante università nel mondo ormai offrono corsi gratuiti su internet, e saranno sempre di più in futuro).
  • Dal punto di vista economico l’avere accesso a tante informazioni in più vi permette di imparare lavori nuovi o perfezionare quello che sapete fare, ad esempio se volete creare siti web potete tranquillamente imparare qualunque tecnologia vi interessa senza bisogno di spendere un soldo, mentre le risorse in italiano sono molto più limitate, specie su argomenti molto specifici e che destano poco interesse. Inoltre conoscere l’inglese vi può permettere di fare lavori che riguardano il turismo o il contatto con il pubblico, e se proprio non riuscite a fare nulla in Italia o se vi piace l’idea di andarvene da un’altra parte o ricevete qualche buona offerta potete anche emigrare all’estero.
  • Read more…

Categories: Recensioni Tags: ,